Nadi Shodhana pranayama, la respirazione a narici alterne

IMG_2029

Cosa sarebbe lo yoga senza l’esperienza consapevole del respiro? Forse una sequenza di esercizi di ginnastica e molto di questa antica e meravigliosa disciplina andrebbe perso.
Il respiro è la prima cosa alla quale ci connettiamo prima della pratica delle asana per entrare dentro noi stessi, per accendere una luce all’interno e spegnere piano piano quella verso l’esterno nella quale siamo sempre proiettati.  È il ponte che ci collega alla parte più profonda di noi stessi, alla nostra spiritualità.

La forza del respiro guarisce il corpo e la mente (…) Tra tutti i diversi metodi curativi, il respiro è  il più importante poiché nel respiro è racchiuso il flusso della vita.  
   (Hazrat Hinayat Khan,  Maestro Sufi guaritore)

Il pranayama, cioè il controllo del respiro o dell’energia vitale (prana), nella scala degli 8 stadi (Ashatanga) verso l’illuminazione , rappresenta il quarto gradino dopo le Asana e quello prima rispetto a Prathihara, cioè il ritiro dei sensi. Rappresenta quindi uno stadio nella scala più elevato rispetto alle asana ed è rivolto ad una dimensione più spirituale, che ci apre la strada alla meditazione.

Ci sono varie pratiche di Pranayama ed occorre sempre farci accompagnare le prime volte da un insegnante esperto per  essere sicuri di fare tutto in maniera corretta.

Il pranayama ci viene tramandato dallo yoga ortodosso come il “controllo delle energie vitali attraverso il respiro”, ma io credo che dovrà portare anche al di là di ogni controllo, di ogni costrizione. Anche questo è interessante: senz’altro, occorre innanzitutto saper “governare il respiro”, fare perciò esperienza, ma poi dovremo anche acquisire la capacità di “lasciarci respirare,” che non è così scontato e facile.
(Tratto da “Fai un bel respiro” di Gabriella Cella)

Nadi shodhana pranayama o respirazione a narici alterne è una pratica dai numerosi benefici che porta equilibrio, calma e benessere perché va a riequilibrare due energie opposte nel corpo. Ottima da praticare dopo le asana e prima dello yoga nidra o della meditazione.

 

Cosa sono le nadi ?

Le nadi sono canali nei quali passa l’energia vitale. Ce ne sono tante nel corpo ma quelle principali sono 3: sushumna, ida e pingala. Nascono dalla base  della colonna vertebrale. Sushumna è la nadi principale che scorre lungo tutta la colonna vertebrale.
Ida e pingala salgono dalla base della colonna a spirale.
Ida parte da destra per sfociare nella narice sinistra e pingala invece parte da sinistra per arrivare nella narice destra.

IMG_2097

IDA, il canale lunare

E’ il canale dove passa l’energia femminile, fredda, lunare, che alimenta l’emisfero destro del cervello relato alla creatività e all’intuizione.
È un’energia calmante che si può paragonare alla polarità parasimpatica del nostro sistema nervoso.

 

PINGALA, il canale solare

E’ il canale dove passa l’energia maschile,  calda, solare, che alimenta l’emisfero sinistro del cervello relato alla parte razionale e logica.
È un’energia attivante che si può paragonare  alla polarità simpatica del nostro sistema nervoso.

Portare queste due energie in equilibrio, la parte attivante e quella calmante,  permette  di mantenere uno stato psicofisico  armonioso.

Benefici

  • Migliora sonno e digestione
  • Elimina ansia e  stress
  • Favorisce  la calma, il rilassamento,  la chiarezza mentale, la concentrazione
  • Aumenta l’ossigenazione del sangue

Curiosità

Normalmente noi respiriamo già in modo alternato: ogni due o tre ore, il respiro passa da una narice all’altra e in alcuni momenti respiriamo anche con entrambe. È stato dimostrato che le persone con il setto nasale deviato possono essere maggiormente soggette a bronchiti, asma, sinusiti, mal di testa, ulcera gastrica, dismenorrea, colite, stitichezza, disturbi del sonno. Praticare la respirazione a narici alterne favorisce un’attivazione controllata su entrambe le narici, ristabilendo gli equilibri naturali.

 

IMG_2099

 

Come fare Nadi shodana pranayama

Mettiti in una posizione comoda con la colonna vertebrale allineata e portati in contatto col tuo respiro naturale.

Porta indice e medio della mano destra in appoggio appena sopra il centro delle sopracciglia,  il pollice chiude la narice destra e l’anulare quella sinistra.

Inizia ad inspirare dalla narice destra, chiudila con il pollice ed espira dalla narice sinistra. Inspira sempre dalla narice sinistra, chiudila con l’anulare ed espirira dalla narice destra. Inspira dalla destra, chiudila col pollice, espira dalla sinistra, e così via … Continua per 5/10 min, ascoltandoti. Concludi espirando dalla narice sinistra.

Varianti…respirare da una sola narice

Respirare SOLO DALLA NARICE DESTRA, favorisce la digestione
Respirare SOLO DALLA NARICE SINISTRA, favorisce la calma, il sonno.
È utile se non si riesce ad addormentarsi la sera.

 

Quando il respiro è affannoso anche la mente è instabile. Ma quando il respiro si calma anche la mente lo fa, e lo yogi raggiunge lunga vita. Pertanto, si deve imparare a controllare il respiro.
(Hatha Yoga Pradipika)

Alla prossima, 🙏

cri firma

Iscrivendoti alla mia newsletter, qui sotto, riceverai in omaggio la registrazione ad una pratica di rilassamento YOGA NIDRA molto efficace per ridurre lo stress e recuperare le energie:

** Se pensi che questo articolo ti sia stato utile, condividilo cliccando il pulsante sotto. Mi aiuterai cosi a diffondere la meravigliosa disciplina dello yoga. Grazie**

1 pensiero su “Nadi Shodhana pranayama, la respirazione a narici alterne”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...